Archivi categoria: Eventi

Raccontare la Grande Crisi #1

L’estate in cui abbiamo imparato quante sfumature ha il grigio è anche quella in cui fingiamo di aver fatto nostri diversi complicati concetti finanziari. Non che ci sia molta alternativa. Che credibilità ha uno che, oggidì, non abbia pronta una battuta sullo spread o almeno un cenno d’intesa sul prossimo intervento della BCE. Oddio, un’alternativa ci sarebbe: capirne davvero qualcosa.

Cosa sta succedendo ai mercati finanziari? – chiediamo a Bimbo Alieno, blogger ormai celebre.

«L’attenzione degli operatori é tutta concentrata sui temi del debito e dei titoli di Stato.

Gli indici di Borsa sono saliti rapidamente e con scarsi volumi nel mese di Agosto arrivando tutti in prossimità di importanti “resistenze” e da lì si sono “inchiodati” senza finora trovare lo slancio necessario a superarle. Questo fatto merita attenzione e giustifica preoccupazione, naturalmente qualora queste resistenze venissero invece superate si aprirebbe uno scenario di nuovi e inteessanti rialzi, ma per quanto detto prima in questa fase l’attenzione deve essere massima.

«Ciò che invece si sta muovendo con decisione sono i titoli di Stato, in particolare i “periferici” (PIIGS) di breve durata: abbandonato il noioso discorso sulla crescita, tutto il focus si é dirottato sugli interventi di politica monetaria della BCE, la quale ha annunciato la disponibilità ad acquisti di titoli brevi. Oplà: vedendo all’orizzonte un grosso acquirente il mercato si é precipitato ad “anticipare il trend” comprando i titoli brevi. In poche parole l’effetto annuncio é stato tale da risparmiare alla BCE la necessità di comprare alcunché: ci ha pensato il mercato ancor prima.

«A breve, ieri con la dichiarazione sul tema acquisti da parte di Draghi e mercoledì prossimo con la sentenza della Corte Costituzionale tedesca sulla correttezza formale del ESM (il fondo SalvaStati), il mercato potrà accantonare i temi monetari e tornare a concentrarsi sugli sviluppi politici: aspettiamoci più volatilità. E qui si riaccendono le preoccupazioni che gli indici di Borsa ci suggerivano poche righe fa. Riforme per la crescita e scadenze elettorali (a brevissimo in Olanda, poi Italia e Germania): tutte cose che possono portare nuovi dubbi sulla solidità dell’eurozona.

«Non ci si annoia mai…»

Ma avrà fine tutto ciò, voglio dire l’aria da fine-del-mondo che accompagna gli indici di borsa cesserà prima o poi o è la giusta evoluzione del capitalismo?

«A ben vedere non é un’aria da “fine del mondo” ma più un clima da “selezione naturale” darwiniana.
S&P500 (USA) é vicino ai massimi, fa oltre +40% da quando Obama é entrato alla Casa Bianca, per esempio. Nello stesso periodo il listino tedesco (DAX) sfiora il +50%.
Ci sono Paesi in declino e Paesi che dal declino di altri se ne avvantaggiano e trovano nuovo slancio».

Quindi dobbiamo emigrare in Germania, come consiglia quel tuo collega blogger, o possiamo sperare in un’altra soluzione positiva?

«Andare in Germania non significa emigrare: é sempre Europa.
E’ questo schema mentale che dobbiamo scardinare. Non c’è Italia e Germania, non c’é “noi” e “loro” non ci sono “soldi tedeschi” che vanno a “cittadini greci”: contribuenti benestanti europei aiutano altri cittadini europei più in difficoltà.

«Se continuiamo ad avvalorare il processo intergovernativo dove le decisioni “europee” sono solo quelle che unanimemente vengono accettae da tutti i singoli Stati membri, ci consegnamo alle debolezze che ci hanno travolto con processi decisionali lentissimi e farraginosi. Occorre un modello decisionale diverso, in cui Parlamento europeo e Commissione europea vengano eletti in modo più trasparente e diretto per decidere autonomamente rispetto ai governi nazionali, non in subordine ad essi».

È di questo che parlerete a Riva del Garda, venerdì 28 settembre durante la BlogFest 2012, in “Raccontare la Grande Crisi” insieme a Marco Murra e Michele Azzu de L’Isola dei Cassintegrati?

«Non solum sed etiam :-)»

Vuoi veramente lasciare il tuo pubblico col latino? (e senza aver detto niente della trasmissione su Radio24)

«Prometto che nei miei interventi in Radio24 (ogni lunedì dalle 6:30 alle 7:00 oppure in podcast per i dormiglioni) non userò il latino. Al massimo messaggi subliminali che noi alieni siamo soliti usare per comunicare con le menti umane più ricettive ;-)».

La seconda puntata di Raccontare la Grande Crisi, con L’Isola dei Cassintegrati, si legge qui.
L’evento, ideato da AlterVista che ospita i blog di Bimbo Alieno e L’Isola dei Cassintegrati, si svolgerà venerdì 28 settembre a Riva del Garda, alle 19, durante la BlogFest 2012.

BlogEconomy Day II: dalla teoria economica alla rata del mutuo

A Castrocaro Terme il 12 e il 13 Novembre si tiene la seconda edizione del BlogEconomy Day, quella che il Corriere della Sera ha ribattezzato “la Cernobbio dei blogger economici“.

Abbiamo chiesto a Bimbo Alieno, uno dei fondatori della manifestazione, di raccontarcela.

Cos’è il BlogEconomy Day?
«Si tratta di un evento simile ai più noti “TED Speech” in cui i più affermati blogger italiani in materia economica tengono una presentazione su uno specifico tema».

Come sono organizzati gli interventi?
«Gli interventi dureranno tra i 15 e i 20 minuti. Ogni sessione prevede uno spazio per le domande dal pubblico, sia in sala che da casa, attraverso l’account Twitter appositamente creato (@blogeconomyday)».

Insieme alle economie crollano anche le idee degli economisti, al BlogEconomy Day che equilibrio cercate di trovare tra i tassi del mutuo e le teorie economiche?
«Ci troviamo davanti a uno scenario molto diverso da quello della scorsa edizione: lo scorso anno abbiamo speso molte energie nell’analisi degli eventi, e (i video lo testimoniano) da brave cassandre avevamo ben delineato quanto stava per accadere. Ora è la volta del fare, del “coniugare” come ben dici nella domanda l’analisi alla vita reale. Lo sforzo sarà incentrato sul tema del “che fare?” con idee concrete».

I numeri sono difficili da seguire, ma forse mai come ora in tanti sono appassionati ai tagli dei tassi di interesse e alla crescita dello spread: cosa cambia quando un esperto deve diventare divulgatore?
«Personalmente credo che cambi il modo di comunicare. Quando ti accorgi che la platea si sta allargando, ma che per ovvie ragioni è più impreparata, più in difficoltà, devi essere capace di tradurre in linguaggio comprensibile a tutti le astrusità del vocabolario economico-finanziario. Io ce la metto tutta, ma come dico sempre: mettercela tutta non significa farcela :-)».

Che differenze vi aspettate dalla prima alla seconda edizione del Blog Economy Day?
«Quest’anno la presenza di Rete della Conoscenza, a dar voce agli “indignati” darà uno spazio nuovo alle istanze dei movimenti studenteschi e porterà inevitabilment e il dibattito anche sui temi di attualità. tra questi -inutile dirlo- ci sarà senza dubbio il tema del default… suspence…
Vi aspettiamo a Castrocaro Terme l’11 e il 12 Novembre per sciogliere i misteri… ».

BlogEconomy Day II

Dove, cosa, quando: Informazioni e programma.

Segui il BlogEconomy day sul web

Il blog: BlogEconomy Day – l’informazione indipendente prende il volo, BlogEconomy Day su Twitter, su Facebook.

La lista dei relatori al Blog Economy Day

I risultati dei siti hosted by AlterVista ai Blog Awards 2011

Evviva, il miglior blog e il miglior post del 2011 sono ospitati da AlterVista e inoltre diversi siti hanno ottenuto un ottimo risultato.

Secondo la votazione popolare (17.599 voti unici) dei Macchianera Blog Awards Spinoza è – per il terzo anno consecutivo – il miglior blog dell’anno, oltre al miglior blog di Satira.

Il premio per il Miglior post dell’anno è andato a 140 News Net con ” l’annosa questione della moschea di #Sucate a Milano“, dove si ricostruisce la storia e la rassegna stampa dell’incidente diplomatico tra un anonimo account twitter e lo staff del candidato a sindaco di Milano Letizia Moratti.  Qui il podcast della trasmissione: In diretta da Sucate che 140 NN ha dedicato ai problemi dell’immaginario quartiere.

Siamo inoltre molto felici che Giallo Zafferano, per il secondo anno consecutivo, abbia vinto come Miglior Blog Culinario. Da qualche mese è AlterVista che orgogliosamente fornisce la piattaforma hosting per i blog di Giallo Zafferano.

Ma i siti ospitati da AlterVista, candidati nelle diverse categorie, erano moltissimi e anche se non si sono aggiudicati il primo posto si sono fatti onore.

L’Isola dei Cassintegrati è arrivata al secondo posto, nella gara tra i Migliori Blog a Sfondo Sociale, per un soffio: appena 17 voti, come dichiarato Gianluca Neri dal palco nella serata della premiazione. La stessa Isola che si è piazzata terza tra i Blog Rivelazione dell’Anno.

Secondo posto anche per Bukowski, il sito di racconti ispirati allo stile del popolare scrittore, nella categoria Miglior Blog Lettarario.

Un bel risultato per Bimbo Alieno, il sito di informazione economico-finanziaria, che arriva terzo come Miglior Blog Personale e già rilancia l’appuntamento per il prossimo BlogEconomy Day, l’evento che riunisce i blogger economici italiani.

Terzo, tra i blog turistici, Globe Trotter il sito di informazioni e racconti di viaggi.

Quarti si sono classificati Il Potatore nella categoria Blog a Sfondo Sociale, Pham Anh Vu per i Blog Fotografici (Sara Gambelli è arrivata quinta in questa categoria), Heart of Glass tra i Blog Musicali, Pensoscrivo – che aveva vinto l’anno scorso – per la miglior grafica e Io Ricordo Genova tra i Blog Politici.

FrenckCinema è arrivato quinto tra i blog cinematografici, Io Ricordo Genova ha ottenuto anche il quinto posto nei Blog a sfondo sociale e Il Corriere della Sera ha intervistato la sua fondatrice Claudia Vago a margine della Blogfest.

Nello stesso articolo c’è anche una citazione del lavoro editoriale dello staff di AlterVista.

[update (6/10/2011): le classifiche definitive: complimenti a 140NN, Michela Murgia, Lo Smontatore, Reality House, Random Blog, Tabacaria, Tutto in 30 secondi, Amami! e Scaricabile per le migliaia di voti che hanno raccolto.]

Mille ringraziamenti a Gianluca Neri e a tutta l’organizzazione della Blogfest.

Inviati speciali al Festival di Internazionale

Da oggi una delegazione dello staff di AlterVista sarà a Riva del Garda alla Blogfest 2011. In questi stessi giorni c’è un altro appuntamento molto interessante.

Sulla nostra bacheca di Facebook abbiamo notato un post di Rette Incidenti che abbiamo voluto approfondire.

Cos’è Rette Incidenti?
«Siamo tre ragazzi, due laureati in materie scientifiche e un laureando in lettere e quest’estate abbiamo aperto un blog: RETTE INCIDENTI. Il nostro intento è sottolineare come in quest’era multimediale le persone e le notizie si scontrino in tempo reale e che queste conoscenze incidano, anche in modo latente, sul pensiero di ognuno. RETTE INCIDENTI si può intendere con duplice significato: sia come l’incrocio di rette (notizie), sia come rette che incidono su qualcosa.
I nostri post nascono dalla lettura di notizie principalmente italiane a carattere politico, sociale, economico. Sono riflessioni, a volte molto personali, che vorrebbero spronare il lettore a considerazioni individuali per commentare o criticare i nostri pezzi.

Ovviamente, essendo on-line da pochi mesi, la partecipazione al nostro blog è ancora scarsa ma contiamo di interessare sempre più persone, anche grazie alla nostra partecipazione al Festival di Internazionale a Ferrara».

Il Festival di Internazionale a Ferrara

Avete ricevuto l’invito per partecipare al Festival di Internazionale in quanto blogger, com’è andata?
«Il Festival di Internazionale è una manifestazione di tre giorni, in cui vari giornalisti di tutto il mondo sono invitati a partecipare e a discutere di varie tematiche. Poiché uno dei nostri componenti abita a Ferrara (mentre gli altri sono di Genova), siamo a conoscenza dell’esistenza di questa manifestazione da anni… anni in cui abbiamo assistito come semplici spettatori. Quest’anno, finalmente, grazie al nostro neonato blog, prenderemo parte come intervistatori. Abbiamo, infatti, partecipato ad una selezione on-line e ci siamo piazzati tra i primi 20 blog, vincendo l’accredito per il festival d’Internazionale a Ferrara».

Cosa vi interessa del Festival di Internazionale?
«Sicuramente butteremo l’occhio verso gli incontri sui black block e il G8 di Genova, parteciperemo alle discussioni sulla finanza etica, sull’ambiente e territorio, sul web e sui giovani. Queste sono le nostre previsioni… ma per sapere come è effettivamente andata dovrete aspettare la nostra prossima intervista e navigare sul nostro blog».

Appuntamento alla Blogfest 2011

Week end di Blogfest: venerdì, sabato e domenica (30 Settembre, 1-2 Ottobre) a Riva del Garda. Qui il programma, qui il sito ufficiale.

Lo Staff di AlterVista sarà presente con una folta delegazione per partecipare ai molti eventi in programma e fare il tifo per i numerosi siti ospitati da AlterVista, in gara per i premi come Migliori Blog dell’anno. Le votazioni si sono chiuse e non resta che aspettare sabato sera per sapere come andrà a finire.

Si possono seguire gli aggiornamenti su Twitter e Facebook.

 

 

Intervista ai blogger in corsa per i Blog Awards

Nei mesi scorsi abbiamo intervistato diversi blogger che ora si sono guadagnati una nomination per i prossimi Blog Awards (c’è tempo per votare fino al 28 settembre). Ecco i link alle interviste.

Globe trotter – corre per il Miglior blog turistico – leggi l’intervista.

Globe Trotter, diari di viaggio
Lampedusa, Italia, agosto 2011. Foto di Tullio M. Puglia/Getty Images

Tabacaria – corre per il Miglior blog musicale – leggi l’intervista.

Tabacaria, il metallo pensante
Wacken, Germania, agosto 2011. Foto di Sean Gallup/Getty Images

Smontatore – corre come Miglior blog tecnico-divulgativo – leggi l’intervista.

Smontatore, un sito con la mania di fare le cose a pezzi

Sara Gambelli – corre per il Miglior blog fotografico – leggi l’intervista.

Sara Gambelli, fotoblog
Limone: una meraviglia quotidiana. Foto di Sara Gambelli

Spinoza – corre come Miglior blog, Miglior blog satirico, miglior blog collettivo, ecc. – leggi l’intervista.

Spinoza, un blog serissimo
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino, Firenze. Foto di Stefano aka Depinamug

Tutto in 30 secondi / Islametro – in gara per il Miglior blog a sfondo sociale – leggi l’intervista.

tutto in 30 secondi, notizie e approfondimenti sull'Islam contemporaneo
Bani Walid, Libia, settembre 2011. Foto di Leon Neal/AFP/Getty Images

140 News Network – in corsa per il blog rivelazione dell’anno e per il miglior post – leggi l’intervista.

140 NN, news e social media

Vota ai Blog Awards e sostieni i siti hosted by AlterVista

Blogfest 2011 – Vota per i Macchianera Blog Awards

Blogfest 2011

Blogfest 2011 - vota i tuoi siti preferitiSono state assegnate le candidature per i prossimi Macchianera Blog Awards e si parte con la fase finale delle votazioni. Ecco l’elenco dei blog e dei siti che si contendono i premi in ciascuna categoria. C’è tempo per votare fino al 28 settembre 2011, qui nel form tutte le regole. Abbiamo evidenziato i siti ospitati su AlterVista: grazie in anticipo a tutti quelli che li voteranno e grazie mille a tutti quelli che li hanno già votati, facendo sì che la pattuglia hosted by AlterVista fosse così numerosa.
 

Blogfest 2011 - Macchianera Blog Awards - le votazioni finali

Inserisci nel tuo sito il form per votare

Se vuoi inserire sul tuo sito il modulo per votare copia e incolla questo codice
<iframe src="http://blog.altervista.org/blogfest/finale2011.html" width="590" height="800" border="0" frameborder="0"></iframe>

Blogfest 2011 – Appuntamento a Riva del Garda

L’atto finale dei Macchianera Blog Awards sarà la Blogfest, che quest’anno si svolge a Riva del Garda venerdì 30 settembre, sabato e domenica 1 e 2 ottobre. Qui il programma (in via di definizione).

Nintendo Club, 12 anni senza smettere di giocare

Abbiamo chiesto a Caribe, fondatore e uno degli amministratori del sito, di raccontarci la storia di Nintendo Club, partendo dall’inizio.

Cos’è il Nintendo Club?

Super Mario«È un gruppo di persone che si trovano per condividere una passione. Non è un Club esclusivo perché chiunque ne può fare parte e non si paga l’iscrizione, cosa che in effetti è molto positiva.
Tecnicamente è composto da due parti: il forum in cui si discute e il sito propriamente detto in cui si pubblicano gli articoli. È come una piazza in cui si può entrare, discutere di questo e di quello con le altre persone presenti e poi magari contribuire ai lavori di abbellimento del posto».

Quando è nato?

«Quasi dodici anni fa, nel Dicembre 1999, come piccolo siterello personale. Avevo appena avuto accesso ad Internet e a quei tempi il web italiano era molto molto rudimentale. Essendo appassionato di videogames ho cercato subito qualcosa sull’argomento, ma c’era veramente poco. Non c’era neanche il sito ufficiale Nintendo italiano. Così pensai che sarebbe stato carino fare una specie di rivista online con delle recensioni visto che era da poco uscito il Nintendo64. Nel giro di qualche mese riuscii a riunire un paio di persone e per mantenere i contatti venne creata una Mailing List, così come era usuale a quei tempi. Poi, poco tempo dopo, uno di questi primi collaboratori propose la creazione del forum. Forum e Mailing List hanno permesso di creare un primo gruppo di persone che hanno contribuito a dare una forma alla community, di caratterizzarla con una diffusa ironia e di dotarla dei suoi riti e del suo essere “drupaceo”. Incredibilmente alcune di queste persone partecipano attivamente ancora oggi!».

Il primo sito in italiano dedicato a Nintendo

Qual è la sua forza?

«Ho sempre cercato di dare al Nintendo Club un’impostazione in cui la differenza tra staff e utente comune fosse la più piccola possibile e dove chiunque può proporsi per i vari ruoli a disposizione, anche se non è detto che poi verrà accettato 😀 Ma in realtà non serve essere redattore, newser o moderatore per partecipare costruttivamente al sito o per proporre delle idee: ascoltiamo sempre le proposte di tutti e se qualcuno scrive un articolo lo pubblichiamo praticamente sempre.

Questa partecipazione collettiva ha portato il Nintendo Club ad avere decine e decine di articoli e centinaia di news aggiornate quotidianamente. Ognuno scrive secondo la sua personalità e quindi si passa da articoli molto tecnici ad altri di puro nonsense. L’importante è dare una mano se si ha del tempo a disposizione. Nel corso degli anni si sono avvicendate diverse generazioni di collaboratori e alcuni sono anche riusciti a trovare un lavoro vero grazie all’esperienza fatta scrivendo da noi.

Il Nintendo Club è anche la quotidianità sul forum a discutere di videogames, ma anche, per esempio, dei propri problemi di adolescente o delle proprie passioni musicali. I forti legami che si creano tra le varie persone hanno reso molto interessanti gli incontri che abbiamo organizzato nel tempo. Trovarsi dal vivo dopo essersi parlati per anni via forum è un’esperienza veramente curiosa».

Nintendo Club ha una community varia e appassionata

Com’è composta la community: teenager o giocatori di lungo esperienza?

«L’età è molto varia e penso molto più alta di quello che si possa credere: il grosso degli utenti dichiara di avere tra i 18 e i 28 anni. Ma ci sono anche molti ragazzi con meno di 14 anni e alcuni con più di 40. Di solito i nuovi arrivati sono adolescenti che scoprono i videogames e sentono la necessità di condividere questo loro interesse. Sul Nintendo Club trovano gente con un’ampia cultura videoludica e trovano quindi carburante per alimentare la propria passione. Altre volte si tratta di ragazzini molto giovani che hanno già la capacità di leggere e scrivere e si divertono a dire la loro, ma poi passa il tempo e chi aveva 14 anni adesso va all’università. A volta si tratta di adulti che hanno difficoltà a trovare dei coetanei appassionati di Super Mario, ma sul Nintendo Club il problema non esiste. Insomma, ce n’è per tutti i gusti.
Il fatto che ci siano tanti ragazzi giovani ci obbliga ad una costante opera di moderazione per tenere sotto controllo argomenti, linguaggio e grammatica. Ci teniamo ad avere delle discussioni rispettose del prossimo e quanta impostazione alla lunga ha pagato».

Wii U, cosa ne pensate?

«Il Nintendo Club raccoglie soprattutto quelli che vengono definiti “hardcoregamers” ed è una categoria che è rimasta parzialmente delusa dal Wii perché molta dell’attenzione di Nintendo è andata verso i giocatori casuali grazie alla semplicità di utilizzo del telecomando Wii (il Wiimote). Molti titoli ad effetto sono stati pubblicati esclusivamente sulle console concorrenti e ci siamo sentiti un pochino abbandonati. Ultimamente però ci sono stati diversi segnali di un cambio di rotta e il Wii U, oltre all’innovativo controller, dovrebbe avere delle caratteristiche tecniche che gli dovrebbero permettere di ricevere pieno supporto da tutte le software house. Noi lo speriamo e intanto ci trastulliamo con i rumors e le prime immagini relative ai giochi futuri perché se siamo rimasti fan di mamma N ai tempi bui del Nintendo64, quando sapevamo solo noi della sua esistenza, figurarsi adesso!».

Il 3D secondo la grande N, una rivoluzione o moda passeggera?

«Il mondo delle console portatili sta vivendo un momento di ansia a causa degli smartphone che a livello tecnico sono già allo stesso livello e spesso addirittura oltre. Le console portatili hanno comunque una qualità dei giochi nettamente superiore e una comodità d’uso maggiore, ma c’era bisogno di un’altra caratteristica di differenziazione e il 3D può essere la strada giusta. Chi lo prova rimane stupito e si diverte, ma malgrado questo per il momento il 3DS non ha fatto il botto come forse ci si aspettava. Forse bisognerà aspettare una seconda versione del 3DS per avere la consacrazione».

la Wii su NIntendo Club

Le altre console si son adattate ad un modo di giocare “più fisico” per seguire il Wiimote (vedi Kinetic di Microsoft e il Move di Sony). Il futuro è meno joypad e più “realtà aumentata”?

«Credo che i creatori di videogames sognino tutte le notti di prendere i giocatori e di buttarli all’interno del gioco a farli saltare con Super Mario o a esplorare mondi alieni con Samus Aran e prima o poi si arriverà. Nell’attesa bisogna pensare al fatto che Nintendo ha lanciato il Wiimote, e quindi l’interazione fisica, più di 5 anni fa ed è proprio ora che si faccia un nuovo passo in avanti. Il nuovo controller del Wii U propone il concetto di realtà aumentata come possibilità di manipolare una parte di realtà come se fosse parte del gioco. Penso che nei video dell’E3 abbiamo visto solo una parte di ciò che hanno in mente in Giappone e quindi scopriremo le vere potenzialità solo al momento del lancio. Credo che l’obiettivo sarà quello di convincere ancora più persone a provare a giocare anche se non lo hanno mai fatto prima, ma sono certo che per i giochi tradizionali ci sarà sempre grande spazio, anche solo perché è il mercato a chiederlo».

Vuoi aggiungere qualcosa?

«Vorrei salutare tutti i nc-clubbers che leggeranno questa intervista e invitarli a inchinarsi di fronte a tutta questa saggezza trasudata e messa per iscritto dal loro sommo Caribe [piuttosto mi impicco nd Stanislav].

Inoltre vorrei ricordare che si dice “IL Wii” e “IL DS”. Se volete dire “LA Play” potete farlo assieme ai vostri amici plaisteiscionari fighetti, ma sappiate che vi odiamo ;-)».

Visita Nintendo Club

Nomination Macchianera Blog Awards – ultimo giorno

[update: sono in corso le votazioni per i Blog Awards: clicca qui votare]

Ultimo giorno di candidature per i Macchianera Blog Awards. Vota i tuoi siti preferiti perché partecipino alla fase finale della Blogfest 2011, dove si contenderanno il titolo di miglior Blog in ciascuna delle numerose categorie. Si può votare fino a giovedì 1° settembre (compreso).

Macchianera Blog Awards - Blogfest 2011 - ultimo giorno per votare

Candida i tuoi preferiti – Blogfest 2011

Inserisci anche tu il form per votare

Se vuoi inserire anche tu la scheda per votare sul tuo blog copia e incolla questo codice nell’editor HTML di un post:

<iframe src="http://blog.altervista.org/blogfest/candidature.html" width="590" height="800" border="0" frameborder="0"></iframe>

AlterVista ha aggiunto nel modulo di voto alcuni suggerimenti. Commenta quest’articolo se anche il tuo blog corre per aggiudicarsi una nomination.

Altri articoli sulla Blogfest 2011

Leggi gli articoli sui Macchianera Blog Awards di quest’anno, con la presentazione di diversi blog in corsa per aggiudicarsi una nomination.

Vai agli articoli.