In alto il cuore della politica (sul web)

Sursum Corda (“In alto i cuori”) è il tuo blog, perché si chiama così?
«Perché mio nonno utilizzava spesso questa frase. E perché è una bella forma di incoraggiamento».

Di cosa ti occupi?
«Mi sono laureato a marzo in Relazioni Internazionali presso l’Università di Roma3 e a breve dovrei iniziare a frequentare un Master in marketing, comunicazione e digital strategy. Scrivendo su Sursum Corda, nel frattempo».

Qualche settimana fa è uscito un sondaggio Ipsos su Politica e web in Italia (vedi Termometropolitico.it): dal sondaggio emerge che l’83% degli intervistati non partecipa mai o quasi mai a discussioni di politica sul web, cosa ne pensi?
«Credo che l’Italia da questo punto di vista sia rimasta indietro rispetto alla maggior parte dei paesi sviluppati. L’utilizzo di internet, comunque, è in aumento. Cresceranno di conseguenza anche le discussioni di politica sul web».

sondaggio-Ipsos-politica-e-web-informazione-e-partecipazione

Secondo te quando un blog politico è ben fatto?
«Quando è in grado di trattare con sintesi, chiarezza e precisione i temi caldi di un determinato periodo storico».

Che obbiettivo deve raggiungere per essere efficace?
«Certamente deve riuscire a “fare rete” con altri blog ed essere in grado far discutere di sé anche al di fuori della rete. Deve dunque avere una quantità di visite superiore al numero dei familiari del blogger :)».

Come vedi il ruolo dei social network nella politica italiana? giusto ieri su Twitter sono rimbalzate voci di dimissioni del Presidente del Consiglio, voci che lo stesso Presidente ha smentito via Facebook.
«Sta assumendo un ruolo chiave. L’esempio di ieri è emblematico. Un giornalista (Bechis) fa sapere via Twitter che Berlusconi potrebbe dimettersi. I mercati vengono condizionati e infatti il differenziale tra Btp italiani e Bund tedeschi scende di venti punti. Qualche ora dopo Berlusconi smentisce il tutto via Facebook e lo spread torna a salire. I direttori dei principali quotidiani e diversi giornalisti stanno imparando a conoscere l’efficacia dei social network e preferiscono lanciare una notizia tramite social ancor prima che nelle forme tradizionali. E anche i politici, ovviamente, hanno iniziato ad attrezzarsi.
Questo cambiamento, per quanto riguarda il cittadino/elettore, può rappresentare una grande chance: dà infatti la possibilità di interagire direttamente con i propri governanti».

Link

Sursum Corda, il blog di Pietro Raffa, la classifica dei blog politici su Wikio, Pietro Raffa su Twitter.


Recent Posts

-