Lunga vita e prosperità

Lo staff di Altervista, da sempre sostenitore della Federazione dei Pianeti Uniti e della pace con Klingon e Romulani, saluta il signor Spock.

Leonard Nimoy - 26 marzo 1931 / 27 febbraio 2015 (Bertil Unger/Evening Standard/Getty Images)
Leonard Nimoy – 26 marzo 1931 / 27 febbraio 2015 (Bertil Unger/Evening Standard/Getty Images)

Un ricordo della sua carriera su I 400 calci

Leonard Nimoy era figlio di altri tempi, nato nel West End di Boston da una coppia di ebrei ortodossi immigrati dall’Unione Sovietica. Suo padre faceva il barbiere, sua madre era casalinga. Una realtà umilissima. Il giovane Leonard se la lascia alle spalle quando decide di seguire la carriera di attore e dagli anni cinquanta in poi appare in un botto di serie TV, tra cui Bonanza, Rawhide, Gli Intoccabili, Perry Mason, Organizzazione U.N.C.L.E.,Colombo, Missione impossibile. Per tutti, comunque, era e sarà sempre il signor Spock.

(leggi tutto su I 400 calci)

Come è nato il saluto vulcaniano su Il Post

Nimoy racconta che una volta da bambino si trovava con suo padre, suo nonno e suo fratello in una sinagoga di Boston, durante una funzione religiosa. Cinque o sei persone salirono sul palco e iniziarono a cantare una particolare preghiera ebraica, chiamata Shekhina, dopo essersi coperti gli occhi con i tallit, gli scialli rituali ebraici. Nimoy spiega che suo padre gli disse di non guardare.

(leggi tutto su Il Post)


Recent Posts

-